I SOGGETTI DI DIRITTO INTERNAZIONALE

I soggetti di diritto internazionale riconosciuti dalla giurisprudenza sono cinque:
– GLI STATI
– LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI (O.N.U)
– I SOGGETTI “SUI GENERIS” (Stato del Vaticano, Il Sovrano Ordine di Malta, Comitato Internazionale della Croce Rossa)
– INSORTI
– MOVIMENTI DI LIBERAZIONE NAZIONALE

A differenza dei movimenti insurrezionali, per il riconoscimento di status internazionale ai
movimenti di liberazione nazionale non c’è bisogno del controllo effettivo sul territorio. In molti casi, infatti, capita che questi vengano ospitati dagli Stati limitrofi e da qui conducano le loro battaglie. Ovviamente l’obiettivo finale dei movimenti è l’acquisizione dell’autorità sul territorio, quindi l’elemento territoriale acquista importanza, ma in prospettiva. Per acquisire lo status internazionale, comunque, i movimenti hanno bisogno di un apparato organizzativo in grado di gestire le relazioni internazionali come previsto dall’articolo 1.2 del Protocollo Aggiuntivo alla Convenzione di Ginevra del 1977.

Tra le norme consuetudinarie applicabili ai movimenti di liberazione nazionale vi sono, oltre al diritto all’autodeterminazione dei popoli, anche quello di stipulare trattati internazionali e sono destinatari delle norme sulla protezione e immunità degli individui che agiscono per conto loro.
Il riconoscimento degli insorti o dei movimenti di liberazione nazionale non deve essere confuso con il riconoscimento di belligeranza che può essere effettuato solo quando gli insorti abbiano acquisito un effettivo controllo del territorio e abbiano, una volta vinta la guerra civile, la possibilità di instaurare uno Stato effettivo con apparati organizzativi e di responsabilità. Con il riconoscimento di belligeranza al movimento degli insorti viene attribuito uno status internazionale e la guerra civile dovrà sottostare alle regole di diritto internazionale.

Per essere riconosciuto dal diritto internazionale, un gruppo insurrezionale deve avere l’approvazione degli altri Stati. Ciò deriva principalmente dal comportamento dello Stato in cui avviene l’insurrezione. Infatti è molto più probabile che il movimento venga riconosciuto nello status internazionale quando nel territorio stabilmente occupato e governato dal movimento esistano persone di altri Stati. Altra possibilità dei gruppi insorti di ottenere tale status è la linea ideologico-politico-religiosa, ma anche di collaborazioni militari che possono avere con altri Stati.