Comunicato stampa 1262/2016

COMUNICATO STAMPA

In merito all’articolo apparso su “La Tribuna di Treviso” in data 8 Novembre 2016 riguardante un’azione legale da parte del sindaco italiano occupante di Cison  Valmarino per “abuso di bandiere venete” in abitazione privata, l’Autoritá Nazionale Veneta, emanata dal CLNV in base all’art.96.3 del Secondo Protocollo aggiuntivo alla convenzione di Ginevra del 1977, invita, una volta di più, tutti i patrioti veneti ad esporre i gonfaloni della nostra nazione in tutte le abitazioni private, gli uffici e le fabbriche dove i Veneti vivono e lavorano.

Ribadendo che sussiste a norma di diritto internazionale ratificato dall’Italia, il diritto all’autodeterminazione sui territori veneti occupati dall’Italia e che quindi l’Italia risulta essere in difetto assoluto di giurisdizione per materia e territorio nei confronti di tutti i soggetti di nazionalità veneta registrati presso il Registro Genti Venete del CLNV, informiamo tutti i Sindaci, le Giunte ed i Consigli  occupanti comuni veneti, che si procederà in via legale in forma personale nei loro confronti presso i tribunali internazionali nel momento in cui dovessero esserci reiterate o nuove minacce alla libertà di espressione, pensiero, manifestazione ed esposizione di simboli di appartenenza alla Nazione Veneta.

Con San Marco.

L’Autorità Nazionale Veneta
Ufficio Stampa e Comuncazione

cison_bandiere_san_marco